Vivere il proprio spazio, senza che lo spazio ci definisca

Tetti in paglia

Scritto da Carlo Cazzaniga • Sabato, 23 aprile 2011 • Categoria: Materiali



L’utilizzo della paglia come copertura per edifici era comune sin dall’antichità in moltissime tradizioni europee compresa quella italiana.
In Italia fino alle prime decadi del 1300 anche parecchie città quali Torino e Novara erano per lo più coperte in paglia.

Successivamente diversi regolamenti comunali, sia per motivi di sicurezza contro gli incendi che per motivi igienici, hanno iniziato a vietare o favorire la sostituzione della paglia con pietra o cotto.
La quasi totale sparizione avviene nella prima metà del ’900 quando, sia per motivi igienici che di decoro, ne viene imposta o auspicata la sostituzione, come per esempio il “Regolamento locale di Igiene” del Comune di Venezia che nel 1930 all’art. 153 dispone che: “Entro due anni i ‘casoni’ dovranno essere soppressi e sostituiti con case rispondenti alle esigenze del presente regolamento […]” oppure il “Programma dell’anno XVIII per l’abbattimento dei casoni” della Federazione dei Fasci di Combattimento di Padova, che nel 1940 dice: “In un'epoca di grande orgoglio nazionale, mentre il Fascismo sta potenziando un immenso Impero, l’esistenza del casone è cosa umiliante.






Translate to en


Il casone rappresenta l’avanzo di un’epoca ormai lontana, in cui il contadino era considerato come strumento di lavoro”.
In un’inchiesta condotta nel 1933 dal Consiglio Provinciale delle Corporazioni di Padova erano presenti 2644 casoni; oggi ne sono rimasti 10, di cui alcuni rifatti ex novo.

Tutto ciò premesso è chiaro che nel giro di pochi decenni è sparita la tipologia costruttiva e la relativa conoscenza tecnica.


Le normative successive non hanno ripristinato la paglia o la canna palustre nell’elenco dei materiali utilizzabili per l’edilizia e prediligono per di più materiali rigidi e freddi come il cemento o l’acciaio.

In Italia c’è ancora qualcuno che propone tetti in paglia o meglio in canna palustre, ma deve chiamare artigiani provenienti da paesi quali Ungheria o Slovacchia. A Caorle (Ve) è tipico il casone dei pescatori in canna palustre.
La tecnica però prevede la manutenzione e sostituzione dello strato superficiale ogni 2-5 anni a seconda dello spessore e della qualità della canna utilizzata.

I tetti in paglia del Nord Europa invece richiedono una manutenzione molto ridotta. In questi paesi la tecnica si è mantenuta ed evoluta insieme alle nuove esigenze di igiene, di comfort e di estetica.
Se un tempo si facevano tetti in paglia che conferivano all’edificio un’immagine semplice e povera, oggigiorno sono edifici raffinati ed eleganti, con una cura dei dettagli molto elevata.

Un amico artigiano Gallese specializzato in tetti di paglia (in inglese thatcher) ne garantisce la durabilità attorno ai 40 anni e la capacità isolante è impressionante: supera qualsiasi tetto isolato con materiali artificiali e sintetici, mantenendo traspirabilità e salubrità dell’edificio.

Avere poi un tetto pesante sopra la testa, che viene sollecitato dall’azione del sisma in modo esponenziale, è assolutamente un controsenso.
La normativa attuale in Italia non esclude il manto di copertura in paglia purché abbia una struttura portante in legno.






 





CONTINUA A LEGGERE >>>: 1 | 2 | 3 | Articolo intero          

11181 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Nessun commento

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.
To leave a comment you must approve it via e-mail, which will be sent to your address after submission.

To prevent automated Bots from commentspamming, please enter the string you see in the image below in the appropriate input box. Your comment will only be submitted if the strings match. Please ensure that your browser supports and accepts cookies, or your comment cannot be verified correctly.
CAPTCHA