Vivere il proprio spazio, senza che lo spazio ci definisca

Bollette e ricevute: per quanto tempo conviene conservarle?

Scritto da Carlo Cazzaniga • Martedì, 1 novembre 2011 • Categoria: Norme & fisco



Bollette di avvenuti pagamenti della luce, del gas, dell'acqua, del telefono e varie ricevute spesso ci invadono cassetti e scrivanie.
Ma non osiamo gettarle nella spazzatura.
Rappresentano l'unica prova dell'avvenuto pagamento.

E' utile conservarle? E per quanto tempo dobbiamo tenerle?

Ci sono tempi minimi di conservazione dei vari documenti, che in ogni caso è sempre meglio conservare accuratamente per almeno un anno o due in più rispetto a quanto stabilisce la legge.

Può capitare che i termini di rivalsa da parte degli enti per la pretesa dei pagamenti siano allungati anche di molti mesi, quindi c'è il rischio di dover pagare comunque due volte perchè si è buttata via la ricevuta troppo presto.

Translate to en


Vediamo quali sono i termini fissati dalla legge, per quanto concerne i pagamenti più comuni che scandiscono la nostra routine:

Cinque anni è il termine di legge per l'abbonamento tv, ma una sentenza del tribunale di Torino lo ha esteso a dieci anni.
Cinque anni è anche l'arco di tempo durante il quale andrebbero conservate le ricevute dei pagamenti mensili o trimestrali dell'affitto.

Sei mesi è il tempo entro cui gli alberghi possono chiedere nuovamente il pagamento del conto.
Basta un anno, salvo altri tempi previsti dal contratto, per conservare le ricevute di pagamento delle assicurazioni.

Ma se le quietanze sono state utilizzate a fini fiscali, come capita, per esempio, per le polizze vita, si devono tenere per cinque anni.

Per le bollette delle utenze domestiche, come acqua, gas, luce, telefono, il termine è di cinque anni dalla data di scadenza del pagamento.
Questo vale, per legge, anche se sono saldate con domiciliazione bancaria da cui appare che i precedenti pagamenti sono stati effettuati regolarmente.

In questo caso è importante conservare anche gli estratti conto della banca, dove risulta di volta in volta il pagamento.
Ci vogliono cinque anni dall'anno successivo del pagamento anche per il bollettino Ici (imposta comunale sugli immobili), mentre per il bollo auto e per le cambiali sono sufficienti tre anni dalla data di scadenza.

Quanto alle ricevute dei pagamenti delle multe per contravvenzioni al Codice della strada, vanno conservate per cinque anni.
Le ricevute dei pagamenti delle tasse (dichiarazioni dei redditi) e dell'Iva (imposta sul valore aggiunto) si possono eliminare solo dopo cinque anni a partire dall'anno successivo a quello della dichiarazione.

I documenti relativi alla ristrutturazione della casa con detrazione fiscale (fatture, ricevute, bonifici bancari e tutta la documentazione relativa ai lavori) vanno conservati per cinque anni.

Via: uominicasalinghi.it

1276 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

0 Trackbacks

  1. Nessun Trackbacks

0 Commenti

Mostra commenti (Cronologicamente | Per argomento)
  1. Nessun commento

Aggiungi Commento


Enclosing asterisks marks text as bold (*word*), underscore are made via _word_.
Standard emoticons like :-) and ;-) are converted to images.
E-Mail addresses will not be displayed and will only be used for E-Mail notifications.
To leave a comment you must approve it via e-mail, which will be sent to your address after submission.

To prevent automated Bots from commentspamming, please enter the string you see in the image below in the appropriate input box. Your comment will only be submitted if the strings match. Please ensure that your browser supports and accepts cookies, or your comment cannot be verified correctly.
CAPTCHA