Vivere il proprio spazio, senza che lo spazio ci definisca

Torna la voglia di acquistare casa

Scritto da Gennaro Esposito • Giovedì, 19 novembre 2015 • Commenti 0 • Categoria: Norme & fisco

Corre la domanda di mutui nel corso del mese di ottobre 2015. È quanto emerge dai recenti dati diffusi da Eurisc, il sistema di informazioni creditizie di Crif che raccoglie i dati relativi a oltre 77 milioni di posizioni creditizie. Si tratta di un vero e proprio boom: +42,5 per cento rispetto a ottobre 2014 per la richiesta di mutui ipotecari da parte delle famiglie italiani alle banche. Un’ulteriore conferma del fatto che il vento e cambiato, la richiesta di mutui, infatti, fa registrare andamento positivo da più di 24 mesi di seguito.

Ing Direct ad esempio, offre soluzioni vantaggiose, come quello che è considerato da molti il mutuo più conveniente. Mutuo Arancio è infatti estremamente flessibile, capace di incontrare le diverse esigenze della clientela, mettendo a disposizione del cliente un esperto che lo segue passo dopo passo. Inoltre, fino al 15 gennaio 2016 prevede zero speso di perizia e istruttoria e spread a partire da 1,50 per cento. Nei primi dieci mesi del 2015, il dato relativo alla richiesta di mutui da parte delle famiglie del 56,7 per cento rispetto allo stesso periodo del 2014. A sostenere la domanda di mutui sono anche i dati relativi alle surroghe e alle sostituzioni stimolate dalla contrazione degli spread offerti dalle banche.

Translate to en


>>Continua a leggere "Torna la voglia di acquistare casa"

2081 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Casa nuova? E’ il momento di effettuare la voltura luce e gas.

Scritto da Gennaro Esposito • Lunedì, 15 giugno 2015 • Commenti 0 • Categoria: Norme & fisco

Quando si acquista una nuova casa, tra le prime esigenze che sorgono per rendere pienamente e operativamente vivibile il nostro appartamento c’è quello di attivare le utenze per il gas e lenergia.

Quasi scontato a dirlo, ma senza la sottoscrizione di questi contratti azioni semplici come avere una lampadina accesa, lavare le mani con lacqua calda, e mettere a bollire lacqua per la pasta vengono ad essere praticamente precluse.

Per sottoscrivere un contratto di fornitura gas ed energia quando si subentra allinterno di un appartamento bisogna effettuare unoperazione denominata voltura. Per capire precisamente in cosa consiste questo passaggio abbiamo chiesto informazioni a Estra Spa, società operante nel nuovo paradigma del libero mercato, da sempre attenta alle esigenze dei clienti, in grado di darci un supporto per ottemperare al meglio quanto previsto dalla procedura e operare correttamente la voltura.



Translate to en


>>Continua a leggere "Casa nuova? E’ il momento di effettuare la voltura luce e gas."

2054 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Catasto: effettuare una visura online per il calcolo di TASI e IMU

Scritto da Gennaro Esposito • Martedì, 22 aprile 2014 • Commenti 0 • Categoria: Norme & fisco

Disponibili sul web nuovi strumenti per le visure del Catasto, utili soprattutto per capire l’importo della nuova tassa Tasi.

Italiani, attenzione! Se prima “giungla fiscale” poteva sembrare un’espressione iperbolica, negli ultimi anni abbiamo invece avuto la triste dimostrazione della sua correttezza. Tra Imu, Tarsu e l’ultima arrivata Tasi, non solo le tasse hanno cambiato nome e termine ultimo per il pagamento, ma hanno lasciato sempre dietro di sé grandi polemiche e, come se non bastasse, estrema confusione.

Secondo gli esperti, quanto accaduto tra la fine del 2012 e l’inizio del 2013, con i milioni di contribuenti chiamati a versare “mini-Imu” e “maggiorazione Tares” e a districarsi tra mappe del catasto e visure varie, potrebbe ripetersi anche a breve in questo 2014. A partire dal nuovo rinvio all’estate dei termini entro cui i Comuni devono fissare aliquote e chiudere i bilanci preventivi, anche perché in oltre quattromila comuni, a fine maggio, ci sarà il rinnovo delle amministrazioni municipali.

Il rischio, alto, è di un nuovo ingorgo fiscale, con un sistema che, nel migliore dei casi e se non intervengono altre novità, si stabilizzerà solo in autunno.

Intanto, però, qualcosa si sta muovendo, almeno per professionisti come architetti, dottori Agronomi e Forestali e Agrotecnici, Ingegneri, Geometri, Periti agrari e industriali. L’Agenzia delle Entrate ha infatti rilasciato una nuova versione di Pregeo (PREtrattamento atti GEOmetrici), il software che permette di eseguire gli aggiornamenti cartografici e censuari relativi al catasto terreno.

Pregeo consente di effettuare rilievi catastali con strumentazione elettronica, e in particolare dà la possibilità di realizzare il cosiddetto tipo mappale (cioè l’inserimento in mappa di nuovi edifici), il tipo particellare e il tipo di frazionamento (vale a dire, la divisione di particelle catastali).

È da poco disponibile in rete la versione Beta del Pregeo 10.6, rilasciata dall’Agenzia delle Entrate per testare le novità introdotte e consentire ai professionisti di familiarizzare con le nuove caratteristiche, oltre che di fornire importanti feedback prima del lancio ufficiale e definitivo dell’applicazione che innoverà il Catasto italiano.

Translate to en


>>Continua a leggere "Catasto: effettuare una visura online per il calcolo di TASI e IMU"

9527 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Animali e condominio: sì ma con giudizio

Scritto da Carlo Cazzaniga • Martedì, 6 novembre 2012 • Commenti 1 • Categoria: Norme & fisco


Le liti causate dagli amici a quattro zampe sono tra le più diffuse, ma si fa strada, in Parlamento e nei tribunali, l’idea di imporre il “divieto di vietare” gli animali in condominio.


Per evitare problemi di convivenza, l’ANAMMI suggerisce alcune accortezze.Si può sintetizzare così la posizione dell’ANAMMI, l’Associazione Nazional-europea degli AMMinistratori d’Immobili, sulla tendenza in atto, nella giurisprudenza e in Parlamento, al “divieto di vietare” la presenza in condominio di ospiti a quattro zampe.


Il disegno di riforma del condominio, ancora in discussione al Senato, autorizza il possesso di animali all’interno dell’immobile, ma ciò non vuol dire che i condòmini italiani siano disposti ad accettare volentieri la presenza di un animale domestico.
I motivi delle proteste sono da ricercarsi soprattutto in una cattiva gestione del condomino “non umano”, che spesso degenera in incuria.
Queste le accortezze che dovrebbero limitare al minimo le dispute

Translate to en


>>Continua a leggere "Animali e condominio: sì ma con giudizio"

4358 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Imu: i rincari per chi affitta

Scritto da Carlo Cazzaniga • Domenica, 4 novembre 2012 • Commenti 0 • Categoria: Norme & fisco


Aumenti di imposta, rispetto all’Ici, fino al 207% per i contratti liberi (Milano) e al 2.330% per quelli concordati (Venezia).
È quanto dovranno aspettarsi i proprietari di immobili locati facendo i conti dell’esborso complessivo della nuova imposta sugli immobili, l’Imu, rispetto alla vecchia, l’Ici.


Aumento del 207%, nella capitale più 142%.
Aliquota massima in tredici capoluoghi su 20.


Secondo i calcoli effettuati dall’Ufficio studi della Confedilizia, sarà proprio l’applicazione della maggiore aliquota deliberata dai vari Comuni, rispetto a quella base uniformemente adoperata per la prima rata e pari al 7,6 per mille, ad avere effetti molto pesanti, soprattutto per chi ha affittato con contratti «liberi», per i quali gli aumenti percentuali sono tutti a tre cifre e 13 capoluoghi su 20 hanno scelto l’aliquota massima.


Via: corriere.it

Translate to en
2667 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

E' legale subaffittare una stanza?

Scritto da Carlo Cazzaniga • Domenica, 21 ottobre 2012 • Commenti 0 • Categoria: Norme & fisco


Condividere casa non è più solo una scelta da studenti.
Ma nelle case in convisione c'è chi viene, c'è chi va e gli occupanti cambiano spesso. per non parlare di chi subaffitta, magari la propria stanza, per alcuni mesi, o la casa intera.


Senza comunicarlo al proprietario è illegale. ma molti ignorano che non è necessario fare sempre tutto di nascosto.tecnicamente si parla di sublocazione e normalmente non è prevista dal contratto.
Ma ciò non significa che non si possa inserire come clausola. Anzi, a guadagnarci possono essere entrambi perché, quando una casa si affitta per essere condivisa, se il contratto prevede la sublocazione non c'è bisogno di rifarlo ogni volta che entra un nuovo coinquilino.


Le figure che si vengono a creare sono così 3: il locatore (il proprietario), il conduttore (l'inquilino) e il subconduttore (l'inquilino che subaffitta).


In questo modo il sublocutore ha diritti e doveri, condizione sempre vantaggiosa per le altre parti. Una differenza importante è poi quella tra il subaffitto e l'ospitalità.

Translate to en


>>Continua a leggere "E' legale subaffittare una stanza?"

4246 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Riforma del condominio: le novità di settembre

Scritto da Carlo Cazzaniga • Mercoledì, 17 ottobre 2012 • Commenti 0 • Categoria: Norme & fisco


La vetustà dell’impianto normativo vigente è stata solo in parte superata dall’orientamento della giurisprudenza che, in numerose occasioni, si è fatta carico di affermare un’interpretazione evolutiva necessaria a far fronte al consistente e sempre più crescente volume di contenzioso.


Il risultato è che, a tutt’oggi, la disciplina della materia trova, a volte, fondamento più nelle pronunce giurisprudenziali che nelle norme del codice civile.In particolare, il nuovo disegno di legge cerca di consolidare in norme le decisioni più recenti della Corte di Cassazione in materia condominiale ma ha anche l’ambizione di creare qualcosa di totalmente nuovo (pur con i limiti di cui si è detto).


La riforma della normativa in materia di condominio, che è il risultato di un lungo confronto tra diversi schieramenti politici, si pone come “necessaria e non più prorogabile”, in quanto “non vi è alcun dubbio che il corpus di norme codicistiche sul condominio oggi in vigore appare datato, ampiamente superato dall’enorme mutamento economico-sociale verificatosi negli ultimi sessanta anni, nonché incongruo rispetto alle nuove problematiche determinate dalla diversa organizzazione di vita delle famiglie, dai nuovi servizi di cui esse usufruiscono e dalle caratteristiche diverse delle abitazioni”.

Translate to en


>>Continua a leggere "Riforma del condominio: le novità di settembre"

2802 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!

Imu: maggiore equità a fine 2012

Scritto da Carlo Cazzaniga • Venerdì, 5 ottobre 2012 • Commenti 0 • Categoria: Norme & fisco


Il governo sta valutando una diversa distribuzione del gettito Imu nel rapporto tra Stato e Comuni.


Ad affermarlo è il sottosegretario all'Economia Vieri Ceriani sulle pagine di corriere.it.


Sul tavolo della Commissione venerdì c'era, infatti, anche la possibilità di inserire nella delega fiscale forme di progressività per quanto riguarda l'Imu nei confronti delle famiglie o dei pensionati maggiormente in difficoltà, e pure quella di trasferire l'intero introito ai Comuni.


Via: corriere.it

Translate to en
2393 hits
Tweet This!
Technotizie oknotizie Segnalo digitta Wikio Fai Informazione Stumbleupon  Technorati  Google  Bookmark   at del.icio.us Digg  Bookmark   at YahooMyWeb Bookmark   at reddit.com Bookmark   at NewsVine Bookmark   with wists Bookmark using any bookmark manager!