Home Living Perché e come scegliere un tavolo consolle allungabile

Perché e come scegliere un tavolo consolle allungabile

0
CONDIVIDI
tavolo consolle allungabile

Tra gli elementi di arredo che meritano di essere presi in considerazione per un appartamento dalla metratura limitata, il tavolo consolle si fa apprezzare per la sua comodità: si tratta, infatti, di una eccellente soluzione salvaspazio, che per di più garantisce un tocco di eleganza a qualsiasi contesto in cui venga inserito. Con un ingombro davvero ridotto, può essere adoperato come un divisorio ma anche appoggiato contro la parete, a seconda dei gusti e delle esigenze. Il tavolo consolle può essere fisso o allungabile, e si presta agli stili più diversi: che sia di design o classico, però, si rivela comunque funzionale.

Il tavolo consolle allungabile

Nel caso in cui si opti per un comodo tavolo consolle allungabile, si ha a che fare con un arredo dalla conformazione lunga e stretta, che può essere esteso addirittura fino a 3 metri, se non addirittura oltre. In questo modo si ha a disposizione un piano di appoggio ideale, che può servire anche in situazioni di emergenza, in grado di accogliere fino a 12 o 13 persone persino negli ambienti meno ampi.

I pregi di una consolle allungabile

Un tavolo consolle allungabile può essere trasformato nel giro di pochi minuti e con la massima facilità. Vari sono gli ambienti della casa in cui può trovare posto: non solo nella sala da pranzo, come accade nella maggior parte dei casi, ma anche in soggiorno o perfino in camera da letto. In un disimpegno o in un corridoio, invece, è consigliabile prediligere un modello fisso. Nel momento in cui viene chiusa, la consolle consente di incorporare le allunghe, attraverso le quali il tavolo può essere esteso. Non è detto che tale opzione sia sempre disponibile, e in tali circostanze è raccomandato il ricorso a una sacca contenitore con tanto di zip. Se, invece, non si vuole compromettere l’aspetto estetico del contesto, si può pensare di comprare un contenitore porta prolunghe in cui mettere le allunghe, da appendere a una parete, ovviamente con uno stile coerente con il resto dell’arredo.

Gli elementi funzionali supplementari

I tavoli consolle allungabili permettono di gestire lo spazio in maniera ottimale in virtù di una serie di elementi funzionali extra: è il caso dei cassetti estraibili e dei ripiani, grazie ai quali si può assicurare l’ordine in casa organizzando e conservando qualsiasi tipo di oggetto e di accessorio.

La scelta dei materiali

Quando ci si accinge a comprare un tavolo consolle allungabile, uno dei fattori che è necessario valutare in vista di un acquisto oculato e consapevole è il materiale di composizione. Il legno massello è la soluzione più adatta se si è alla ricerca di un tavolo che sia robusto e al tempo stesso duri a lungo nel tempo: questo tipo di materiale è perfetto per arredare sia gli ambienti rustici che i contesti più classici, e può essere reso ancora più elegante da intagli o altri elementi decorativi. Per una consolle moderna e al passo con i tempi, invece, si può optare per le finiture in metallo o per il piano e i sostegni in vetro.

Gli stili

Un tavolo consolle contraddistinto da uno stile raffinato è da preferire quando si tratta di arredare un soggiorno retrò o un ambiente luxury: le possibilità di scelta sono numerose, tra il Luigi XIV e lo shabby, per un vasto assortimento di opportunità che consentono a ognuno di far sfogare il proprio istinto da interior designer. Nel caso di un tavolo shabby chic, non c’è materiale più adatto del legno, che si presta alla perfezione a ogni tecnica di invecchiamento e può essere dipinto o decorato con facilità. Per quel che riguarda i costi, la forbice della fascia di prezzo è molto ampia, e si va da un minimo di 50 euro a un massimo di 1.500, per le consolle estensibili più raffinate e di lusso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.