Home Realizzazioni Casa e disabilità, come progettare gli spazi e gli arredi

Casa e disabilità, come progettare gli spazi e gli arredi

0
CONDIVIDI
casa e disabilità

Quando ci si trova a dover gestire una disabilità improvvisa, che sia la propria o quella di un familiare, si ha la sensazione di nuotare contro corrente e di sentirsi persi nel mare della burocrazia e delle cose da fare affinché la vita possa essere il più normale possibile. Parliamo soprattutto di disabilità motorie, quindi con difficoltà di deambulazione o che si trovano nell’impossibilità di muoversi. Com’è facile immaginare, si deve riprogettare la casa in modo da garantire il massimo comfort. Casa e disabilità non sono incompatibili, basta solo sapere come organizzarsi e gestire gli ambienti.

Casa e disabilità: abbattere le barriere

La prima cosa da fare per rendere gli ambienti idonei alla presenza di chi ha una disabilità motoria è quella di abbattere le barriere. Dobbiamo fare in modo che non vi siano ostacoli di sorta, sia che la persona deambuli in modo autonomo o con l’aiuto di ausili come deambulatori, stampelle o carrozzine.

Se si abita in una casa su due livelli, le scale sono certamente una barriera. In questo caso, non potendole eliminare, si può valutare un modello di montascale adatto agli spazi a disposizione.

Ce ne sono di diverse tipologie: con pedane, dove si viene trasportati con tutta la carrozzina, adatto per chi ha disabilita motorie gravi, oppure con una seduta, per chi ha un livello di disabilità motoria medio-lieve e per le persone anziane. Qui ci sono alcune idee utili https://handicare-montascale.it/.

Il bagno senza barriere

Un’altra criticità della casa è senza dubbio il bagno. Chi ha difficoltà di deambulazione può correre grandi rischi nella stanza da bagno, oltre al fatto di non riuscire a effettuare un’agevole pulizia della persona.

Bisogna quindi prevedere uno spazio ampio affinché vi si possa accedere anche con la carrozzella. Generalmente il primo intervento che viene consigliato è quello di preferire la doccia alla vasca da bagno. Una doccia capiente consente di manipolare il disabile o l’anziano.

All’interno della cabina doccia può essere posizionata una seduta sicura ed ergonomica, in modo da lavare la persona in sicurezza e comodità. Bisogna, inoltre, prevedere dei maniglioni sia in prossimità del water e del bidet sia all’interno della doccia.

Se la persona ha una disabilità permanente ed è costretta sulla sedia a rotelle, si dovrà anche prevedere un lavandino più ampio e basso. Se invece non fosse in grado di muoversi, nemmeno con degli aiuti, sarà il caso di posizionare un montacarichi da doccia.

Assicurarsi, ovviamente, che non vi siano tappeti ad intralciare il passaggio o ostacoli di sorta.

La camera da letto

La camera da letto è un ambiente importantissimo, qui la persona con difficoltà motorie dovrà sentirsi davvero a suo agio. In particolare, per le persone allettate, devono esserci tutti i comfort dato che trascorreranno qui la maggior parte della giornata.

La regola è sempre la stessa: niente tappeti o ostacoli, quindi allontanare tutti i mobili per creare uno spazio calpestabile idoneo. Il letto deve avere un’altezza adeguata a consentire al disabile di sedersi agevolmente sulla carrozzella o per posizionarsi sul deambulatore.

Nel caso di una persona allettata, invece, gli accorgimenti dovranno essere diversi, come per esempio le sponde nel letto, un montacarichi per posizionarlo sulla sedia a rotelle, eventuali spazi per bombole d’ossigeno o altri dispositivi.

La cucina

Se il disabile ha una buona autonomia, sarà sufficiente soltanto regolare gli spazi e le altezze dei mobili. Naturalmente vanno rimossi gli ingombri, meglio una cucina più spartana ma accessibile. Si possono prevedere anche in questo caso dei maniglioni di sicurezza, in modo da potersi muovere con maggiore serenità.

Purtroppo adeguare la casa a una qualsiasi disabilità deambulatoria comporta un impegno notevole, sia dal punto di vista dei lavori che da quello economico. Il consiglio è quello di chiedere preventivi e informarsi presso il proprio comune se vi siano dei fondi e detrazioni destinati ad ammortizzare questo tipo di spese.