Home Materiali Come scegliere la copertura per il tetto e lo strato isolante

Come scegliere la copertura per il tetto e lo strato isolante

0
CONDIVIDI
tetto

Il tetto rappresenta una parte importante a livello strutturale di un edificio. Ecco perché particolare attenzione deve essere dedicata alla copertura più adatta per la propria casa. Le caratteristiche di comfort abitativo sono determinate anche dal tipo di tetto scelto. In fin dei conti non dobbiamo dimenticare che il tetto è la struttura che più rimane a contatto con gli agenti atmosferici. Proprio per questo motivo deve avere delle caratteristiche tali da essere reso molto resistente. Un buon tetto deve durare anche nel tempo, pur richiedendo un’adeguata attività di manutenzione. Ma come fare a scegliere la copertura più adatta per la propria casa? Ecco i fattori di cui bisogna tenere conto.

I fattori per scegliere la copertura di un tetto

Se hai bisogno di scegliere la copertura di un tetto, dovresti tenere conto innanzitutto del budget a tua disposizione. In questo modo, rivolgendoti a Preventivone.it, puoi renderti conto del preventivo che una ditta specializzata sottopone alla tua attenzione.

Potrai operare un confronto tra la somma che ti viene richiesta e il budget che hai da destinare a questi lavori ed eventualmente scegliere anche delle coperture più costose, che ti garantiscono livelli elevati dal punto di vista della qualità, ma anche da una prospettiva estetica.

Nello scegliere la copertura di un tetto devi tenere conto anche di altri fattori. Innanzitutto considera la zona climatica in cui è collocato l’immobile. Per esempio nelle aree di montagna dovresti prestare maggiore attenzione alla scelta dei materiali e anche alla forma dei moduli che compongono la copertura.

Lo stesso discorso vale per gli edifici che sono collocati in zone che presentano estati particolarmente calde. Per esempio considera che le tegole in PVC o quelle in pietra naturale sono più adatte a mantenere meglio il calore, quindi potrebbero rappresentare la soluzione adatta per le zone più fredde.

Al contrario per le aree mediterranee potrebbero andare bene le cosiddette tegole canadesi o le tegole portoghesi.

Da non dimenticare il contesto abitativo, come per esempio i vincoli architettonici da rispettare per far sì di mantenere lo stile dell’edificio.

L’importanza dell’isolamento termico

Oggi c’è molta più attenzione nel cercare di mantenere l’efficienza energetica di un’abitazione. Questo obiettivo può essere raggiunto dando molta importanza allo strato isolante del tetto. Bisogna badare con estrema attenzione all’isolamento termico e acustico dell’edificio.

Per evitare le dispersioni energetiche, è opportuno dotare il tetto di un adeguato strato isolante. Ci sono diversi materiali isolanti che vengono utilizzati per le coperture per il tetto.

Per esempio vengono utilizzati spesso materiali naturali come la lana di roccia, anche in vista dell’ecosostenibilità. Un altro materiale molto utilizzato è il polistirene espanso. È un materiale molto economico e che si può installare anche rapidamente.

Spesso gli elementi modulari che compongono il tetto vengono zavorrati, in modo da resistere meglio all’usura e agli agenti atmosferici. Altre volte si utilizzano degli appositi pannelli coibentati.

È il caso per esempio dei cosiddetti pannelli sandwich, che hanno una caratteristica di ondulazione che serve anche a ridurre il peso della copertura. In genere gli elementi modulari di questo genere vengono installati mediante una sagomatura ad incastro.

Lo strato isolante consente una maggiore protezione del solaio e può costituire un’ottima soluzione per prevenire le infiltrazioni di acqua. Quindi quando si tratta di intervenire attraverso opere di manutenzione sicuramente i lavori risultano più veloci.

Lo strato isolante per la copertura è molto importante, perché consente anche di risparmiare. Infatti sicuramente si potrà beneficiare di un risparmio energetico che si traduce in meno soldi da pagare in bolletta.

In presenza di un buon tetto isolato si riducono le spese per il riscaldamento in inverno e per il raffrescamento degli ambienti interni nel corso dell’estate.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.