Home Bagno Tessuto di spugna per il corpo: come scegliere quello giusto

Tessuto di spugna per il corpo: come scegliere quello giusto

0
CONDIVIDI
tessuti di spugna

Il tessuto di spugna è quel particolare materiale con cui generalmente si realizzano gli accappatoi, gli asciugamani e i teli che utilizziamo dopo il bagno o la doccia. Nato all’inizio del Novecento, nei decenni il tessuto di spugna si è evoluto moltissimo sia sotto l’aspetto funzionale che sotto l’aspetto estetico, fino a diventare un vero e proprio complemento d’arredo e un elemento di stile. Il tessuto di spugna può avere varie grammature e caratteristiche specifiche: come scegliere quello più adatto per ogni occasione?

La struttura del tessuto di spugna

Il tessuto di spugna è tecnicamente catalogato tra i “velluti ricci”, poiché la sua struttura è costituita da due orditi, il filo di fondo e il filo di riccio, che è ritorto su se stesso e forma tanti piccoli riccioli. La materia prima con cui è realizzato il tessuto di spugna è il cotone, che ha la caratteristica di essere idrofilo: infatti, più riccioli avrà la superficie più è elevata la capacità di asciugare del tessuto, esattamente come accade nel caso delle spugne marine. Il filo di riccio può essere presente su uno solo dei due lati del tessuto oppure su entrambi, così da aumentare la quantità d’acqua trattenuta e riuscire ad asciugare meglio il corpo.

Un’altra variante possibile è quella della grammatura, che porta con sé differenze qualitative e caratteristiche specifiche.

Le grammature del tessuto di spugna

La grammatura è la principale bussola per orientarsi nella scelta e nell’acquisto di un tessuto di spugna: una maggiore grammatura, infatti, indica una più alta qualità del prodotto. La grammatura è il peso del tessuto, indicato in grammi, per metro quadro. Escludendo le più moderne e leggere micro-spugne, la grammatura che attesta una buona qualità è a partire dai 350 grammi in su.

  • Grammatura leggera: 350-400 gr/mq

Si tratta di un tessuto leggero e poco ingombrante che lo rende perfetto per i brevi spostamenti, da tenere sempre in valigia oppure nella borsa della palestra. Inoltre, grazie alla sua particolare struttura, la spugna leggera si asciuga più velocemente rispetto ai tessuti di spugna tradizionali.

  • Grammatura media: 400-500 gr/mq

Questa è la grammatura solitamente più diffusa tra accappatoi, asciugamani e teli di qualità alta. Un tessuto in spugna con questo tipo di grammatura ha un’ottima capacità di asciugatura e risulta morbido e piacevole al contatto con la pelle.

  • Grammatura alta: 500 gr/mq in su

Una grammatura di questo tipo è indice di un prodotto di qualità superiore: il tessuto in spugna di 500 grammi al metro quadro e oltre è una vera e propria coccola per la pelle. Ha un’altissima capacità di catturare e trattenere l’acqua.

Il tessuto di spugna: un po’ di storia

Fino a circa un secolo fa, teli e asciugamani erano realizzati in diversi tipi di tessuti, più o meno pregiati, dal cotone semplice al lino fino a quelli in nido d’ape. Questi materiali però non garantivano sempre un buon risultato a livello di asciugatura della pelle e spesso erano un po’ ruvidi e non piacevoli al tatto.

All’inizio del Novecento iniziò così a diffondersi un nuovo tipo di tessuto in spugna, realizzato in cotone con struttura doppia, a filo di fondo e filo di riccio, che riusciva a garantire risultati nettamente migliori. Negli anni Trenta la sua produzione crebbe esponenzialmente e dal dopoguerra in poi è diventato il principale materiale utilizzato per asciugamani e accappatoi, diffondendosi in tutte le nostre case. Negli anni a seguire anche l’aspetto estetico venne curato sempre di più: vennero inseriti nel tessuto di spugna stampe con effetto jacquard, frange laterali, disegni ricamati e vennero create infinite varianti di colori e sfumature, da abbinare tra i diversi pezzi del set di biancheria da bagno e addirittura con i mobili e gli accessori della stanza.

Una questione di stile

La sala da bagno è oggi una delle stanze a cui si presta più attenzione nel momento in cui bisogna disegnarla e arredarla: sanitari, doccia e vasca, piastrelle, mobiletti e i più svariati accessori devono essere scelti con la massima cura. In questo contesto, asciugamani e accappatoi, con le loro mille tonalità, decorazioni e combinazioni possibili, rivestono un importante nel ruolo e offrono l’occasione di creare il proprio stile dando personalità, eleganza e carattere alla stanza da bagno. Basterà cambiare la tinta del set di asciugamani e accappatoi per vedere come tutto il locale assumerà immediatamente un aspetto diverso.

Fonte articolo

https://lisolastore.it/blogs/news/tessuto-di-spugna-per-il-corpo-come-scegliere-quello-giusto